Stress visivo alla guida

Come si manifesta lo stress visivo alla guida?

Cercare di vedere nitidamente durante la guida può essere molto faticoso. Guidare di notte, in condizioni di scarsa luminosità o di maltempo stanca gli occhi, esattamente come quando si viene abbagliati dalla strada bagnata o dai fari dei veicoli che procedono in senso opposto. Questo può causare insicurezza alla guida e un forte affaticamento visivo soprattutto dopo lunghi viaggi.


Il nostro sguardo deve spostarsi spesso tra la strada, il navigatore, gli specchi e il cruscotto. Condizioni meteorologiche avverse e condizioni di luce non favorevoli pregiudicano spesso la qualità della visione. A questi si aggiungono bagliori fastidiosi (fari delle auto che procedono in senso opposto, illuminazione stradale o riflessi dell'acqua sull'asfalto). Se gli occhiali non tengono in considerazione queste particolari condizioni visive, l'affaticamento è ancora maggiore. Questo effetto può essere accentuato dalla disidratazione, dalla regolazione errata dei sedili, dall'aria condizionata e dal riscaldamento.


Come si può ridurre l'affaticamento visivo alla guida?

Le lenti ZEISS DriveSafe, disponibili come lenti monofocali e come lenti progressive, aiutano a ridurre lo stress visivo e facilitano la visione alla guida: grazie alle loro caratteristiche intrinseche, aiutano a calcolare le distanze e a valutare le situazioni più rapidamente, migliorano la visione di sera, riducono i fastidiosi riflessi delle luci provenienti dai fari delle macchine della corsia opposta e agevolano il rapido e frequente cambiamento di messa a fuoco dei diversi elementi sulla strada.


Come regola generale, occorre tenere presente che l'occhio è un organo complesso e i problemi visivi devono sempre essere controllati. L’ottico o medico oculista può eseguire vari test per giungere rapidamente alla definizione corretta del problema e consigliare il dispositivo più adeguato alle esigenze. Fai controlli regolari per mantenere in buona salute i tuoi occhi sia consultando il medico oculista che l'ottico di fiducia. Gli esperti raccomandano una visita ogni due anni.